lunedì 10 marzo 2008

il mio posto nel mondo...

" Francesca è la donna che amo. E' un arcipelago. Un insieme di meravigliose isole che io, navigando nelle loro acque, visito in tutte le loro delicate forme. Di lei conosco ogni piccola sfumatura, ogni minuscolo dettaglio. Conosco i suoi silenzi, la sua gioia. I suoi mille profumi, l'ombra dei suoi baci, la carezza del suo sguardo. Amo la rotondità della sua calligrafia. La luminosità delle sue spalle nude e il suo collo a cui ho sussurato i miei più intimi segreti. Sono incantato dalla capacità che hanno le sue mani di creare attimi di eternità dentro di me. Adoro i territori dove mi conduce quando mi abbraccia. Territori che conosco pur non essendoci mai stato. E nonostante tutta questa conoscenza riesco ancora a emozionarmi e a regalarmi istanti di stupore. Lo so: sono sdolcinato, stucchevole e patetico, ma non posso farci niente. Credo sia la conseguenza naturale di quando si incontra finalmente il piede che calza alla perfezione la scarpetta che tengo in mano da anni. "
Un posto nel mondo - Fabio Volo
...domenica sera dedicata alla lettura. si. in effetti si. ma i libri che mi sono messa a leggere (perchè ne ho iniziati due in effetti OCEANO MARE - A. Barrico & UN POSTO NEL MONDO - F.Volo) erano tristemente appoggiati al comodino ieri sera. li ho iniziati con la voglia immensa di finirli ma niente. non c'è tempo. e quando il tempo c'è, non li leggo. cos'ho letto ieri sera credo siano le cose che leggo più spesso in questi ultimi sei mesi. e sono sempre le solite cose eh! non cambiano col corso del tempo. no, no. sono proprio le stesse e quindi che gusto c'è? non c'è gusto direi. ma ogni volta provo comunque le stesse identiche sensazioni. con la testa e con il cuore. farei meglio a finire i miei due libri, che comunque credo dovrò ri-iniziare perchè non ne ricordo più nemmeno una parola. non sono mai stata amante dei libri in effetti. o meglio, sono amante delle recensioni dei libri. leggo spesso i commenti, dei passi di qualche libro e mi convinco che sia il libro per me. mi prometto di andarmelo a comprare 'sto libro. e quando lo compro, si impolvera nel comodino della mia cameretta color lavanda&noce coi muri azzurri schifosi, col letto piccolo piccolo e con la finestra rivolta al giardino dietro a casa mia. una camera che io non volevo. e intanto i due libri sono ancora lì e io leggo dell'altro. si ovvio, leggo anche il mio vanityfair a cui sono abbonata ormai da due anni, leggo i quotidiani che a casa mia non mancano mai, leggo la storia di PeterPan e Biancaneve tipo 5-6 volte al giorno alla piccola Sofi, leggo le istruzioni per usare quel maledetto contapassi che la mia amica dottoressa vuole che usi, leggo un sacco di cose, ma non quello che dovrei effettivamente leggere.
però ieri sera la serata era strana. avevo paura di svegliarmi l'indomani con gli stessi pensieri con cui probabilmente avrei preso sonno. avevo paura di sentirmi dire le cose che non voglio sentire. paura. si. e quindi non avevo di certo la mente pronta per leggere uno dei miei due libri. dovevo per forza leggere qualcosa di mio, che mi riguardava da vicino, che poteva farmi sfogare un po' per essere sicura che mi sarei svegliata stamattina priva di pensieri strani, perchè tanto li avevo sfruttati tutti ieri sera. e invece stamattina i pensieri strani sono PENSIERI SPARSI... come sempre.

4 commenti:

tafferugli ha detto...

prova a leggerne uno solo alla volta. oppure prova con "Kif kif domani" sempre nella mia biblioteca. lo sai che un libro la prende volentieri la polvere, ma solo dopo letto. se prende polvere ancora da leggere diventa triste. dai, non far soffrire i libri

Nico ha detto...

e poi non vuoi scoprire come si fa a dipingere il mare?
o come ha fatto fabio a conoscere francesca, e cosa è successo al primo appuntamento?
E dai...

Nico ha detto...

ooopss... forse non è "Il mio posto nel mondo" ma "E' una vita che ti aspetto".....

cia ha detto...

...si parla anche di francesca! e di federico.. e di sophie..