martedì 15 aprile 2008

Il solito, grazie!

[...] Teso, ero a pezzi ma un sorriso in superficie nascondeva i segni d’ogni cicatrice.
Nessun dettaglio che nel rivederti potesse svelare quanto c’ero stato male.
( infinito - raf )

2 commenti:

tafferugli ha detto...

passo le notti nero cristallo a sceglier le carte che giocherei,
a maledire certe domande che forse era meglio non farsi mai,
e voglio un pensiero superficiale, che renda la pelle splendida,
a salvarmi, vieni a salvarmi, salvami...

Lele ha detto...

I'm broke but I'm happy
I'm poor but I'm kind
I'm short but I'm healthy, yeah
I'm high but I'm grounded
I'm sane but I'm overwhelmed
I'm lost but I'm hopeful baby
What it all comes down to
Is that everthings gonna be fine fine fine
Ive got one hand in my pocket
And the other one is giving a high five